Category Archive Ricerca neurologica sull’anoressia

Diadmin

4 gennaio, arrivano l’eclissi parziale di sole e le stelle cadenti d’inverno

Lo spettacolo sarà visibile
in tutta Italia, attenzione
a proteggere gli occhi
ROMA
Il cielo del 2011 esordisce con un doppio spettacolo: nella seconda parte della notte del 4 gennaio arriveranno le stelle cadenti d’inverno, seguite a pochissime ore di distanza da un’eclissi parziale di sole ben visibile da tutta Italia. L’importante, raccomandano gli esperti, è proteggere gli occhi in modo adeguato per non rischiare seri danni alla retina. Il primo a dare spettacolo, poco prima dell’alba del 4 gennaio, sarà lo sciame di meteore delle Quadrantidi, che prendono il nome dalla costellazione che si trova nella regione di cielo dalla quale sembrano provenire, il Quadrante Murario (una costellazione esclusa dalle 88 «moderne»).
Chi ha una certa familiarità con il cielo notturno, può orientare lo sguardo verso la costellazione di Boote. «Sebbene siano meno note, le Quadrantidi hanno un’intensità che segue immediatamente quella degli sciami più conosciuti delle Leonidi e delle Perseidi», osserva il presidente dell’Unione Astrofili Italiana (Uai), Emilio Sassone Corsi. «Non ci sarà nemmeno il fastidio della Luna – aggiunge – perchè ci sarà la Luna nuova». Se il cielo sarà libero dalle nuvole lo spettacolo è assicurato. A partire dalle 7,45 del mattino comincerà l’eclissi parziale di Sole.
«Sarà sicuramente bella da vedere perchè in Italia la parzialità sarà piuttosto importante», aggiunge Sassone Corsi. Tanto che la Uai sta chiamando a raccolta gli appassionati per organizzare sedute di osservazione diurne in tutta Italia. «L’unico problema è che l’eclissi avverrà con il Sole ancora piuttosto basso e si potrà quindi osservare da un punto in cui l’orizzonte è libero», dice l’astrofisico Gianluca Masi, del Planetario di Roma e responsabile del progetto Virtual Telescope. Chi vive nel Sud vedrà per primo il massimo dell’eclissi, atteso alle 9,06 a Palermo, alle 9,11 a Roma e alle 9,12 a Milano.
«Chi si trova al Sud è favorito per l’altezza del Sole sull’orizzonte, ma meno per la percentuale di copertura», osserva l’astrofisico. Chi è a Catania vedrà infatti la Luna coprire il il 50% del disco solare, chi è a Roma il 60% e chi è a Milano il 70%. Il fenomeno durerà fino alle 10,40. Guardando verso Est «si vedrà il disco del Sole coperto per oltre la metà», prosegue Masi.
La cosa importante è non «prendere alla leggera» l’eclissi soltanto perchè è parziale, osservandola senza proteggere gli occhi. Servono schermi adeguati, ad esempio gli occhialini dotati di filtro. In mancanza di questi, bisogna essere molto prudenti per quanto riguarda il fai-da-te. Attenzione ai vetri affumicati, che lasciano comunque passare le radiazioni più dannose per la retina. L’ideale, osserva Masi, sarebbe procurarsi la coda di una vecchia pellicola in bianco e nero, che contiene un filtro in argento efficace per assicurare una buona protezione.
eclisse01g
Lo spettacolo sarà visibile in tutta Italia, attenzione a proteggere gli occhi ROMA

Maggiori informazioni

Diadmin

ART WHITE NIGHT

awn_secchio

Sabato 29 gennaio, dalle 20 alle 24, la notte cambia colore.

Maggiori informazioni

Diadmin

Uniamo questa notizia all’ultima ricerca pubblicata

Abbiamo appena pubblicato la notizia della ricerca sull’influenza della luce nel momento della nascita e le conseguenze che si ripetono nel corso della vita, e siamo già chiamati a riflettere sul fenomeno a cui credo che tutti abbiamo assistito oggi: di un peggioramento dell’umore nei pazienti. Io ne ho visti una ventina: non è un campione sufficientemente vasto per farmi tirare delle conclusioni, ma riporto la sensazione di cui ho detto. (A.Rapaggi)

Maggiori informazioni

Diadmin

Rapporto del Ministero della salute. E chi ci rimette? Indovinello

Consultori, 186 chiusure in due anni

mancano i soldi e il personale

 

Nati 35 anni fa come presidio sul territorio, oggi portano spesso avanti con difficoltà il compito di aiutare donne, coppie e famiglie: spazi ridotti, carenza di pediatri e infermieri.  La crisi è nazionale con le eccezioni di Lombardia, Emilia, Toscana e Sardegna dove la rete cresce

Maggiori informazioni

Diadmin

ricerca: intervenendo entro sei ore sarebbe possibile cancellare i ricordi traumatici

urlo

Il procedimento messo a punto dagli scienziati della New York University non prevede l’uso di farmaci: il ricordo puroso non viene sostituito con un altro ma, nel momento in cui il cervello lo ricostruisce, manipolato in modo da cancellare il sentimento di paura che lo accompagna

Maggiori informazioni

Diadmin

Ricerca: un meccanismo di difesa ci porta a parlare con oggetti come se fossero persone

computer

Parli con il pc e le piante?Lo ha deciso l’evoluzione

Antropomorfizzare le cose inanimate, cioè trattarle come se fossero persone. Un meccanismo che, secondo gli studiosi, si è sviluppato per aiutarci a sopravvivere in un mondo imprevedibile. Ma che può indurci in confusioni e renderci vulnerabili

Maggiori informazioni

Diadmin

campagna di sensibilizzazione per la depressione post partum

depressione_post_partim

Depressione post parto, una campagna e un sito perché le donne siano meno sole

Ogni anno 90mila ne soffrono ma le forme diagnosticate sono meno del 50%. Il disturbo può essere prevenuto

 

MILANO – Non si “vedono” perché il loro disturbo viene spesso sminuito e sottovalutato, eppure sono 90mila le donne italiane che ogni anno soffrono di depressione in gravidanza e post partum. Le forme diagnosticate e curate sono meno del 50%.

Maggiori informazioni

Diadmin

Ricerca: forme di vita finora sconosciute sulla terra

La Nasa: ci sono alieni sulla Terra”Un microbo vive in ambiente letale” Maggiori informazioni

Diadmin

Più che una ricerca è un promemoria: l’effetto dei massaggi

massaggio

Respirazione e massaggi sono pratiche benefiche in casi di ritiro libidico grave. Quando cioè la persona mette una corazza difensiva molto spessa (W. Reich) tra le proprie pulsioni e la loro realizzazione. E’ giusto per promemoria e fa piacere che ogni tanto qualcuno si accorga del problema, anche se per attirare l’attenzione devono parlare dei sintomi fisici. (A. Rapaggi)

Maggiori informazioni

Diadmin

Psicologia. Le figure professionali secondo un elaborato della facoltà di Cesena

Pubblichiamo questo lavoro perché ci sembra nel complesso ben fatto.

Osserviamo che mancano elementi di una certa importanza, evidentemente sconosciuti ai compilatori, ma ci proponiamo di contribuire appena possibile al suo completamento.

Maggiori informazioni